La Grande Bellezza (2013)

Trailer del film La Grande Bellezza


Il nuovo film di Paolo Sorrentino, interpretato da un cast di grandi attori italiani. Roma si offre indifferente e seducente agli occhi meravigliati dei turisti, è estate e la città splende di una bellezza inafferrabile e definitiva. Jep Gambardella ha sessantacinque anni e la sua persona sprigiona un fascino che il tempo non ha potuto scalfire. È un giornalista affermato che si muove tra cultura alta e mondanità in una Roma che non smette di essere un santuario di meraviglia e grandezza.

Videopremium Parte 1Parte 2
Nowvideo
Movshare
VideoTT
PrimeShare
FireDrive Parte 1Parte 2
Nowdownload Parte 1 –  Parte 2
Rapidgator

  • unknownuser

    audio-video non sincronizzato

  • ganga

    domanda…..ma come ha fatto a vincere l’oscar?…..probabilmente gli altri films candidati facevano + schifo di questo!

    • SkYaCt

      Oggi al Cinema ( sono andato a vedere 12 anni schiavo, giusto per dirlo ), credo sia stata la domanda più quotata mentre si aspettava in fila per i biglietti ….

      • Aladar

        Perché non sapete coglierne le “VIBBRAZZZIONI”…
        …e nemmeno io tanto! ;0)

        • SkYaCt

          e non sai che vibrazioni xD Ahahah … comunque meglio stare attenti, ormai qua si viene fucilati per ben poco u.u ..

          • ganga

            nuovo titolo LA GRANDE SCHIFEZZZZAAAAAAAAAA
            Hai problemi di insonia? i soliti rimedi della nonna non funzionano? prova la grande schifezza e subito dalla prima visione ti accorgerai degli ottimi risultati! attenzione leggere bene la trama non prolungate la viosione potrebbe dare effetti indesiderati come letargo o peggio coma inreversibile…..

          • Aladar

            Un prodotto la cui efficacia, come ben spiegato nelle prime indicazioni, è del tutto paragonabile ad una capata sul muro (con rincorsa) ma con l’assoluta assenza di complicazioni da ematomi, una stupenda confezione ultrapatinata e tanti edulcoranti a base di belle battute in stile commedia agrodolce anni ’80.
            Oscar speciale all’autolesionismo con sputtanamento camuffato da opera cultural-chic.

          • Fateviunacultura

            ganga,fai un favore al mondo…ammazzati,ne guadagnerebbe il mondo intero in cultura. per tutti gli altri che non sono stati ignoranti, beh è un capolavoro, mi spiace che non lo possiate apprezzare,provate a vedere più fim impegnati e meno cazzate.

          • ganga

            brrrrrrr “VIBBBRAZZZIONI” negativeeeee

            AHAHAHAHA

          • Aladar

            Purtroppo si sono persi i commenti della vecchia versione del sito…
            Già a suo tempo dissi che il film è certamente un capolavoro, anzi IL capolavoro personale di Sorrentino, ossia il compimento massimo dell’opera di questo regista e quindi quello che poteva facilmente essere (come poi è stato) il filmone arraffa statuetta. Perché ci sono tutti gli elementi e tutte le caratteristiche peculiari del lavoro di questo capace e singolare cineasta, con in più un marcato arruffianarsi il pubblico d’oltreoceano attraverso il caricare (e cricaturale davvero alla Mannelli o in stile Lucignolo/Cafonal appaiono certe scene) determinate realtà rendendo il tutto estremamente monotono e monocorde. Una roba voluta, certo… una scelta “artistica”, che giocando sul termine bellezza e con l’uso della bella fotografia, ci mostra tutta la bruttezza e lo smandrappo morale e culturale dell’itaglietta contemporanea.
            Però a me è proprio l’opera e il risultato nel suo insieme che non va giù, nelle sue intenzioni e velleità artistiche, in una lettura scevra da effetti e da suggestioni facili. Il soggetto scelto, il messaggio di fondo, il come ci proponiamo verso gli altri paesi, la recitazione fin troppo limitata e furbamente funzionale all’effetto voluto, nonché le evidenti mancanze e parti mal riuscite.
            Bella la tecnica (come un pittore che sa dipingere, il minimo direi) bella l’idea scanzonata di sbeffeggiare certi luoghi comuni radical chic e pseudo culturali, belle certe battute, già veri e propri cult da citare a memoria quelle del protagonista… però nulla di nuovo… e di autenticamente artistico non possiede nulla se vogliamo andare oltre alla buona veste e qualche “trovata” d’effetto.
            Esattamente come nel film stesso si fa una critica a tanta arte contemporanea vuota delle stesse fondamentali cose: Un’idea originale, nuova, una comunicazione sul piano emozionale genuina che sappia toccare tutte le corde e non solo quella dell’indignazione e dello schifo, un racconto con radici solide, fondato su una riscoperta o ritrovata consapevolezza della vera bellezza, senza stereotipi facili né in una direzione né in un’altra (l’antico immutabile e irraggiungibile, il contemporaneo falso e misero, il cliché romanico della prima cotta, la botta di sovrannaturale di matrice catto-favolistica) e con un maggior gioco di contrasti fra personaggi. Basti pensare che per raggiungere l’effetto desiderato Sorrentino elimina tutte le persone “normali” (la vera Roma, la vera Italia) dall’intera pellicola, si vedono solo peronaggi assurdi, altro che Fellini! Forse solo i turisti (giapponesi) dei primi secondi sono alieni alla tossicità della gentaglia vista nel seguito… e non a caso uno di loro subito ci resta secco, altro che colpo di sole e/o coccolone da esperienza panica della troppa bellezza.
            Insomma per me non il miglior film attraverso il quale promuoversi e farsi premiare come nazione che intenda tornare a produrre cultura ed essere ancora un esempio di autentica bellezza. Per questo anziché togliergli la meritata statuetta ne ho assegnata un’altra in aggiunta, molto più calzante… della serie BRAVI, ma anche BASTA che non se ne può più!

          • chandra

            Purtroppo si sono persi i commenti della vecchia versione del sito…
            Già a suo tempo e prima che venisse nominato e poi… premiato… O.O … scrissi che non era affatto un Capolavoro ma che era un bel minestrone fatto ad arte… per fare un bel minestrone occorrrono gli ingredienti giusti ma rimane pur sempre un minestrone. Non credo che nessuno possa rifiutare a priori un pasto caldo, però se te lo propinano pure riscaldato .. magari dopo tre giorni (il tempo è relativo) una minima indisposizione di un commensale o di un cliente o di un viandante che ne ha viste di “cotte” e di “crude” potrebbe destabilizzare il comune senso del “ripetere”. Pazienza, credo comunque che lo stesso Sorrentino sia in grado di difendersi da solo… nel senso che per quel poco che ho potuto conoscerlo, nelle interviste.. o nelle sue massime “quisquiglie” si appaga .. non solo con il suo bizzarro egotismo ma persino con il suo sprovveduto “cartiglio” !
            A me il film non è piaciuto, non lo reputo un Capolavoro e se mi si tappa un orecchio, non chiederò al mio vicino di dirmi un numero.. perchè saprò che in realtà potrebbero esser le grida “sorde” di De Sica, che si rotola e si rotola e si ri .. ri ….. rotola……..

            Se posso .. mio caro Sorrentino…

            http://youtu.be/huWG43S_HKQ

            Peace&Love

  • LaFleur Italia-Film.ORG

    ripristinati tutti i link!

  • AJ

    20 minuti e ho mollato il colpo…io lo trovo noiosissimo e manco ho capito il senso…poi classico di noi italiani…quando un italiano vince qualcosa tutti vogliamo salire sul carro del vincitore allora vai di elogi e complimenti. E’ una noia e basta altro che capolavoro. Se nn vinceva l oscar nessuno lo guardava. Poi chiedo a tutti quelli che lo elogiano, ma sapevate chi era Sorrentino prima di questo film o avevate vist qualche suo altro film??

    • micc83

      This must be the place per citarne uno. Comunque il punto non è se sia un capolavoro o meno, ci sono persone che se ne intendono molto più di noi in materia. Se per te è stato una noia non significa che debba esserlo anche per gli altri no? :)

      • AJ

        si si ci mancherebbe infatti a molti è piaciuto. Era solo la mia opinione. Rispetto le opinioni positive a riguardo.
        Quello che trovo strano su commenti letti altrove, è come vengono aggrediti tutti quelli che nn trovano bello questo film su questo sito almeno si può esprimere la propria opinione senza essere offesi ;-)

        • SkYaCt

          Alcuni sono Flamer con a carico un solo commento o alcuni in più … altri cercano di prevaricare a modo loro, costi quel che costi … altri ancora diranno che è legittimo criticare a loro volta un commento negativo, mancando però i toni adeguati … altri si lamenteranno di chi li precede nella lamentela ecc ecc… lol

          • chandra

            SkyaCt…
            Mi hai fatto morire dal ridere.. perchè mentre ti leggevo mi veniva in mente che ci sono anche quelli che non si prendono sul serio e così paradossalmente si salvano la vita in più di una occasione! Ti faccio un esempio.. ti ricordi quando in questo post .. emh…. 5 giorni fa .. il nostro prode Admin scrisse: “Ripristinati tutti i link!” Bè son sincera subito sotto al suo devoto e doveroso aggiornamento… volevo rispondere…
            – “Perchè???” ahahaha!
            Ma poi mi son detta… e se poi scateno l’inferno? Meglio aspettare i 300 commenti … all’Alba del nuovo Giorno! lol
            ciao SkyCt…
            che ridere… ragazzi/e davvero alle volte siete davvero dei rigeneratori di salute!
            Almeno per me! XD
            <333

          • SkYaCt

            Mi fa piacere Chandra, senza ridere sarebbe già finita qua … gente che si iscrive su Disqus per combattere il temibile autore del commento considerato inaccettabile, istigandolo con parole pervase di rabbia immotivata …. mi immagino anche creazioni di altrettante e-mail per farne di nuovi … quindi quel Perché ci stava, l’ironia non è un male ora :D

    • BlackMagick

      Non commenterò il film perchè lavori come questo provocano sensazioni troppo personali e soggettive per poter essere condivise da tutti. Mi limiterò a dire che non trovo particolarmente scandaloso che sia stato premiato con un oscar. Allo stesso modo non mi sono stupito quando lo stesso oscar è stato consegnato in passato a pellicole come “Argo” , “the Artist” e via dicendo.. Ora non venitemi a dire che quei film sono stati apprezzati dal pubblico nello stesso modo in cui li ha valutati la critica di “esperti”, perchè sarebbe una bugia.. la gente comune nota e apprezza altro e lo vediamo nel nostro piccolo ogni giorno qui a italia film.. Negli anni che sono stato utente ho provato a coinvolgere l’utenza, a volte anche inserendo pellicole datate e particolari, nella visualizzazione e discussione di film “di nicchia” (e con me lo fecero altri utenti ormai scomparsi dal sito) ma la stragrande maggioranza li ha ignorati continuando a guardare le solite cose..i soliti prodotti che più si confacevano alle loro esigenze o che potevano comprendere facilmente.
      Allo stesso modo mi sento di dire che l’attribuzione di un oscar non necessariamente è il frutto di una valutazione meritocratica, anche se invece dovrrebbe, e che questa pratica non è iniziata con la vittoria de “La grande Bellezza”.. Chiudo dicendo che il mio oscar personale a Sorrentino lo avrei dato a “this must be the place”, forse qualcuno ha pensato che lo meritasse allora e per compensare glielo ha affibbiato invece per questo film. Ma, ripeto, nulla di scandaloso, specie se si ripercorre la storia degli oscar. Cheers!

    • Alessandro Del Piero Vecchio

      il film fa cagare proprio si vede che gli inglesi non capiscano niente

  • Extro76

    SPOILER.

    Se uno mi dicesse che questo film è un po’ triste, cinico, esageratamente
    carico di stereotipi e di visioni negative sarei d’accordo, sono anche certo
    che Sorrentino l’abbia creato con la priorità di renderlo vendibile all’estero,
    però devo dire che l’ho anche trovato interessante.

    Devo dare atto a mio modo di vedere, che il personaggio protagonista è veramente
    ben costruito, è contemporaneamente intellettuale e mondano, profondo e superficiale
    contraddizioni che si rispecchiano nella stessa Roma come nell’Italia intera.
    Roma appare essa stessa come il protagonista contraddittoria, così piena di
    passato e così priva di futuro, così piena di bellezze artistiche inarrivabili
    e nello stesso tempo così logora. Se fossimo negli anni sessanta un film
    avrebbe parlato di peace and love, di figli dei fiori, di amore e sesso libero,
    ma viviamo in questo momento storico dove sembra che tutto vada a rotoli ed
    allora ci sta che un film guardi tutto sotto l’ottica pessimistica che ci pervade,
    raccontando una decadenza che è ineluttabilmente figlia dei grandi e passati
    fasti.

    • chandra

      Extro.. ciao caro collega,

      credo che la dicotomia stia nel fatto che il personaggio in realtà sia fin troppo ben costruito e siccome ricorda fin troppo bene la disuguaglianza o meglio quella fantastica finta danza che pare sia genetica oggi.. nel copiare regie di certe pellicole e di certi registi..fin troppo e troppo sconosciute ai giorni nostri ma conosciuti e conosciute ai tempi ed in certi tempi da certa gente che .. sì, è difficile dargli un secco sputo. Peccato che tra uno sputo ed un altro di mezzo ci possa stare una generazione che si ricorda.. qualcosina!? ;-)
      Sono comunque consapevole che non si può pretendere di far capire a chicchessia qualcosa, chi non riesce a sentire non sente.. ma solo… perchè in realtà non ha veramente ascoltato tutto. Nessuno può pretendere di accaparrarsi l’originalità di questa visione. Io continuo a credere che nessuno potrà dire il contrario del contrario. Per me è una bufala.. è un treciclo .. un semplice balocco per i cineasti di oggi che insieme ai produttori ed agli attori sempre di oggi (dei vecchi marpioni per me) hanno deciso di sublimarsi, autocelebrandosi e persino applaudendosi … con davanti un pubblico semplicemente inesperto. Se ne sono convinti loro… e ne è convinto il pubblico ci mancherebbe .. io di certo non mi frapporrò tra il lume e la ragione.. che si adorino tra loro o meglio che si vendano tra loro…che si bacino pure le mani.. chi meglio di loro sa camminare sul palco di un Teatro? E chi meglio di un pubblico ammaliato può fare da coreografo.

      Io rimango dell’idea che tra il lume e la ragione… ci sta l’intuizione che se pur trainata a fatica
      può sempre come è già successo.. spiccare il volo, in disparte certo.. ma .. a pieno titolo
      dichiararsi ARTE.

      Ma ovviamente questo è un discorso a PARTE! ;-)

      ps:
      Extro..
      tu sei troppo buono!!! XD

      • Extro76

        Troppo è già stato inventato e creato perché nuove opere appaiano veramente nuove. Una frase attribuita a Pablo Picasso dice: I bravi artisti copiano, i grandi artisti rubano!
        Frase detta e ripresa da Steve Jobs nel film “I pirati di silicon valley”, ed il vero Steve Jobs lo faceva davvero, infatti i suo unico talento (a mio avviso) era prendere l’idea di un altro e migliorarla, magari innovarla abbastanza da sembrare originale. E credo fermamente che questo si faccia nell’arte dipinta, nella scultura, nella letteratura, nella tecnologia ed anche in opere teatrali e filmiche.
        2001 odissea nello spazio viene considerato un capolavoro, perché? Per Hal 9000 che era un idea originale? Non era così originale, nel 1920 Lang aveva creato Metropolis, un film che parlava di una sorta di androide di metallo ribelle, nel film “Lemmi Cauton, missione Alphaville” del 1965 c’era un supercomputer chiamato Alfa 60. Lo stesso film è tratto da un famoso romanzo di Clarke che penso sia fortemente debitore di idee già precedentemente sviscerate.
        Ora sto forse diventando pedante divagando troppo, però voglio solo dire che per me vale la frase di Picasso, c’è chi copia male e chi sa cosa vale la pena rubare per poi evolverlo, un quadro non è un insieme di pennellate, una composizione musicale è più di una sequenza di note, perché il tutto è superiore alla somma delle sue parti, e solo guardando il complesso di qualcosa ti rendi conto che è migliore delle altre e che se ne discosta abbastanza da essere considerata un opera “abbastanza” originale.
        Per il troppo buono, può darsi che in generale sia vero, anche se film pluripremiati come ad esempio Mystic River e Traffic io li trovo veramente privi di interesse, mi spiace ma per me son mal costruiti e mal diretti, eppure sono famosi e generalmente molto apprezzati.

        • chandra

          Extro scusami se ti rispondo solo adesso ma..non ero nei paraggi. Sì sì.. capisco molto bene quello che intendi, sai forse alle volte è più difficile capire quello che i critici pensano e dicono di un’opera che quello che la stessa opera trasmette di sè, sia nell’immediato che nel tempo. La citazione di Pablo è più che consona al nostro caso e nel nostro tempo e hai fatto bene a ricordarla! Secondo me vale anche la celebre frase di Marilyn Monroe -” che si parli bene, che si parli male.. l’importante è che se ne parli”. :-)))
          Extro grazie per questo piccolo “angolo dibattito” mi ha fatto piacere leggere il tuo punto di vista che in un certo senso mi ha anche fatto capire certe reazioni di un certo numero di persone che se pur diverse dalle mie e di altre che la vedono come me trovano lo stesso un loro spazio ed una loro ragione.
          Per quel che riguarda i film che hai citato.. bè.. credo che abbiamo più o meno gli stessi gusti, neanche a me hanno entusiasmato.
          Ciao caro collega… :D buon week and e .. buona visione! xD

          • Extro76

            Ciao Chandra, anche a me piace leggere i tuoi commenti. Certo fa piacere quando si trovano persone che condividono il nostro pensiero su qualcosa. D’altro canto se su un film una persona la pensa in maniera completamente diversa da te, non si può fare altro che rispettare l’opinione altrui, anche quando questa sembra proprio assurda dal nostro punto di vista, un po’ come quando si tiene per una squadra calcistica o un partito politico e vorresti inutilmente convincere chi è completamente schierato da un altra parte a pensarla come te, fatica sprecata. Però nelle opinioni altrui ci sono spesso spunti e punti di vista interessanti e a cui tu non avevi pensato e per questo che partecipo anch’io attivamente leggendo e commentando. Ciao e a presto collega!

      • Raimondo64

        ChaNdra forse non lo hai visto,ma con tutto il rispetto la grande bellezza scompare con film come Nashvillle,di Altman se non erro….

        • Chandra

          Ciao Ray.. :-)
          uuu ..ma come non l’ho mai visto!? Lo vidi eccome questo stupendo film ma ammetto .. incredibile…non me lo ricordavo più! Ormai la mia senilità viaggia di pari passo con la mia età! Ammazza … sembra di stare sulle “montagne russe” .. oops .. oddio.. che ho detto…
          russe!?! Lol
          Ray… grazie di avermi ricordato questo bellissimo film! Se lo trovo me lo riguardo al volo!!!
          Per il resto.. io .. ho già espresso la mia opinione.
          Ciao Ray :-)

      • Raimondo64

        ERA UN FILM CHE 40 ANNI PRIMA DI SORRENTINO INO INO PARLAVA DELLA DECADENZA INTELLETTUALE…

    • Raimondo64

      Completamente d’Accordo con te,ma mi sento superiore a questo tipo di sceneggiatura,non lo dico per compiacermi,ma
      per definita autostima…E poi sorrentino si macchio’ se non erro di un film orribile con Penn

  • Raimondo64

    Ribadisco quello che avevo scritto nel ”vecchio sito”,grande film,mi pare le diedi un voto molto alto,una spietata facciata di un italia morente,pero’ a distanza mi sono venuti dei dubbi,in effetti io scrivo molto meglio ,quindi il voto scende a 8

  • Sventrex

    Mi sembrava di aver lasciato già un commento su questo film comunque in soldoni questo é il mio pensiero.
    Non sono riuscito a finire il film perché l’ho trovato monotono e tedioso.
    Non trovo assolutamente giustificata la scelta di assegnare l’Oscar ad un movie che sicuramente pochi rivedranno un’altra volta nella loro vita, e quando succederà, sarà perché questo DVD giacerà abbandonato nei cestoni di metallo, di qualche supermercato, a 2 euro la copia o 3 per 9 euro, assieme a Terminator, qualche storiella per bambini, e magari una rivisitazione in digitale de “Quel gran pezzo dell’Ubalda”.
    Già sollevai dei dubbi sul film con Penn e per i quali fui ampiamente criticato.
    Se dovessi assegnare un premio per i film di Sorrentino, questo andrebbe sicuramente a Servillo.
    SERVILLO é attualmente il migliore attore italiano in circolazione e secondo me MERITA, come Giannini (altro pezzo da 90), il red carpet Hollywoodiano ed una ricca presenza nelle produzioni che contano.
    Arriva all’Oscar Sorrentino e non Tornatore con il suo Pianista sull’Oceano? Lassù qualcuno é impazzito.
    Un film da Oscar deve essere un film che quando esci dal cinema ti porti dentro ancora le immagini, la colonna sonora, le frasi, le emozioni…e francamente, con me, Tornatore c’era riuscito.
    Sorrentino racconta storie asettiche che hanno, in Servillo, il loro unico respiro di calore.
    Attendo l’Oscar per Servillo.

  • Virginia Ipazia

    Ho adorato tutti i film di Sorrentino, quindi mi è difficile stilare una graduatoria , pensavo l’Oscar lo avrebbe avuto con Sean Penn, invece gli americani mi hanno stupita, favorevolmente per una volta, un film solo apparentemente difficile, Sorrentino usa ogni tipo di linguaggio e di scrittura con leggerezza e ironia, già solo per questa capacità, rara, vale più di molti altri, ma in questo film ha raggiunto la maturità poetica necessaria ad un discorso più ampio , più universale, solo apparentemente, romano o italiano. Per una volta ancora il nostro cinema supera i confini provinciali e mediocri nei quali brancoliamo. un pò di sano orgoglio per la nostra fiacchissima cultura e per il nostro cinema.